Mulholland drive – la mia interpretazione

Premessa: il post è indirizzato a chi ha già visto il film, altrimenti sono sicura che risulti troppo confusionario.

Con Mulholland drive Lynch ci porta nella dimensione del sogno/allucinazione dove lui esplora la parte inconscia dei suoi personaggi. Di questo film ho apprezzato la maniera in cui è strutturato piú che la storia in sè, ossia come il regista usi tutti i mezzi a sua disposizione per portarci nel flusso di coscienza della protagonista e anche per darci degli indizi affinchè possiamo comprendere il film.
Ad esempio all’inizio del film vediamo delle persone vestite stile anni 50 che ballano e, per come è fatta la scena, ci si aspetta che la storia debba ancora iniziare mentre invece siamo già nel film e questa scena rappresenta una gara di ballo vinta da Betty (la protagonista) che ha usato il denaro della vincita per andare a Hollywood.
Ma andiamo con ordine.
Nel film abbiamo due dimensioni, la realtà e il sogno; queste due parti sono drasticamente separate nel film dall’apparizione di una scatola blu, che potrebbe rappresentare il legame tra queste due dimensioni, cioè come la realtà influenzi il nostro subconscio o, viceversa, come non sia possibile fuggire dalla realtà.

Prima parte del film – dimensione del sogno. Vediamo una bella ragazza dai capelli scuri che riesce a sfuggire ai sicari che volevano ucciderla grazie ad un incidente (questo potrebbe essere il desiderio di Diane che Camilla riesca a sfuggire al killer che lei ha assoldato).
La ragazza è in stato di shock ed inizia a camminare verso la città; arriva di fronte alla casa di un’anziana signora dai capelli rossi che sta partendo. Mentre la signora mette i bagagli nel taxi la ragazza entra in casa e si nasconde. Non mi è chiaro se la donna la veda o no (potrebbe essere un altro inidizio che siamo in un sogno); ad ogni modo la donna parte e la ragazza resta in casa.
In casa arriva la nipote dell’anziana signora, una ragazza super entusiasta che è venuta ad Hollywood per inseguire il suo sogno di diventare attrice. Vediamo Betty, questo il nome della ragazza, arrivando dall’aeroporto parlando con una donna del suo sogno di diventare un’attrice di Hollywood, e in seguito vediamo questa donna in un taxi con uomo ridendo in maniera esagerata (probabilmente Betty/Diane sta sognando che i suoi genitori ridono di lei, del suo insuccesso; loro sono le stesse persone che vediamo alla fine del film in un’allucinazione/sogno entrare da sotto la porta nella casa di Diane).
Nel frattempo vediamo una scena apparentemente sconnessa dal film, in cui un uomo in un bar racconta di essere spaventato da un sogno che ha fatto dove vedeva un mostro nella strada dietro al bar; ma quando va a controllare vi trova davvero il mostro ed ha un infarto per lo shock.
Torniamo da Betty che trova nell’appartamento la ragazza, che dice di chiamarsi Rita, ma dopo confessa di aver perso la memoria in un incidente ed ha con sè solo una borsa che contiene molto denaro e una chiave blu; Betty reagisce come se la situazione sia del tutto normale ed offre di aiutare Rita cercando di scoprire la verità su ciò che è successo (una reazione completamente surreale).
Betty racconta a Rita che lei è venuta ad Hollywood grazie al denaro che ha vinto in una gara di ballo, e che ha un provino il giorno dopo. Quando Betty prova la parte aiutata da Rita, Betty è bravissima mentre Rita è terribile (Betty/Diane sta sognando la sua rivincita su Rita/Camilla; nella realtà Camila sta avendo una carriera come attrice mentre il sogno di Diane è infranto). Poi, quando Betty va a fare l’audizione è veramente stupefacente, e tutti sono entusiasti della sua interpretazione.
Mentre le due ragazze indagano sull’incidente risalgono al nome di Diane Selwyn, che sembrerebbe essere la vera identità di Rita. Le ragazze si dirigono allora alla casa di Diane, ma fanno un’orribile scoperta: Diane giace morta sul suo letto.
Nel frattempo assistiamo alle mille dasavventure che capitano al regista Adam Kesher. Vediamo degli assurdi personaggi (padrino style) imporgli la ragazza da scegliere per il film “Sylvia north story”, e la ragazza è Camilla Rhodes. Dopo, quando Adam torna a casa, scopre la moglie con un amante che, come se non bastasse, lo picchia; ma i suoi problemi continuano con il blocco della sua carta di credito e l’incontro con un personaggio surreale, il cowboy, che gli fa pressioni sulla scelta della ragazza giusta per “Sylvia north story”. (Betty/Diane sta sognando la sua vendetta sul regista che non l’aveva scelta per quel film).
Ad un certo punto abbiamo una scena apparentemente disconnessa con il resto del film: un killer imbranato e le disastrose conseguenze della sua missione (vedremo che lui è il killer ingaggiato da Diane per uccidere Camilla; i suoi sensi di colpa le fanno sognare/sperare che il killer non sia bravo e non riesca ad uccidere la ragazza).
Toriniamo alle ragazze, che iniziamo ad avere una relazione. Nel sonno Camilla inizia a parlare in spagnolo, si risveglia e si è ricordata di un posto; le due ragazze nel cuore della notte si dirigono in questo luogo, il club Silencio.
La scena al club Silencio è molto importante per il film. Si esibisce una cantante con una voce bellissima, ma la cosa più importante sono le parole della sua canzone: parla della sua storia d’amore finita, di come lei pensava di farcela a dimenticare ma poi si rende conto se il dolore non passerà e lei continuerà a piangere e piangere, che è ciò che è successo a Diane. Allora Diane realizza che l’unica cosa che può darle sollievo è il silenzio, ossia cancellare sia Camilla che se stessa. A metafora di questo vediamo che la cantante sviene (o muore) mentre la canzone continua nonostante non ci sia piú l’interprete, cioè il dolore di Diane continua comunque anche dopo aver eliminato Camilla.
Ad un tratto le ragazze trovano vicino a loro una scatola blu con una serratura triangolare, che combacia con la chiave che ha Rita.
Le due tornano a casa e Betty scompare all’improvviso (vediamo Rita che la cerca disorientata), Rita apre la scatola blu e siamo portati dentro la scatola nella transizione tra il sogno e la realtà.

Seconda parte del film – dimensione della realtà. Come scena di transizione vediamo l’anziana signora dai capelli rossi tornare a casa e trovarla in perfetto ordine, come se non ci fosse stato nessuno. Il letto è in ordine, non ci sono i vestiti delle ragazze….era reale ciò che abbiamo visto finora??
Ci troviamo nella casa di Diane Selwyn e vediamo che Betty viene svegliata dal cowboy. Adesso la ragazza che finora abbiamo conosciuto come Betty è Diane e trova la chiave blu sul suo tavolo.
La vediamo ricordare (o immaginare??) la sua relazione con Rita, che scopriamo essere Camilla Rhodes, e come Camilla l’ha lasciata.
Abbiamo quindi quella che per me è la scena chiave del film. Camilla ha invitato Diane ad un cena presso una villa in mulholland drive (dove Rita ha avuto l’incidente all’inizio del film). Vediamo Diane dire all’autista le stesse parole che dice Rita all’inizio del film “non è questo il posto”, e dopo ci ritroviamo a cena a casa del regista Adam Kesher. La madre di Adam chiede a Diane come ha conosciuto Camilla e cosa faccia nella vita; Diane racconta che è venuta ad Hollywood grazie all’eredità avuta da sua zia Rita (che lei ha sognato essere viva), ha incontrato Camilla al casting di “Sylvia north story”, in cui fu scelta Camilla. Possiamo vedere che lei racconta tutto questo con un po’ di disagio e continua dicendo che Camilla l’ha aiutata ad ottenere alcune parti, dato che la sua carriera è decollata; quindi possiamo vedere che lei si senta inferiore a Camilla in un certo senso.
Durante la cena vediamo tutti i personaggi che abbiamo visto nel film: i gangster italiani, il cowboy, la bionda attrice che era Camilla Rhodes nella prima parte del film. Quindi Camilla e Adam annunciano il loro fidanzamento e vediamo Diane piangere di gelosia.
Siamo adesso nel bar dove abbiamo visto, all’inizio del film, l’uomo che raccontava il suo incubo. Diane sta assoldando un killer (lo stesso che abbiamo vista nella ridicola scena della prima parte) per uccidere Camilla. Il killer le dice che quando avrà compiuto l’omicidio le farà trovare una chiave blu come segno. Nel bar Diane legge il nome della cameriera che li sta servendo, Betty, e vede alla cassa l’uomo affetto da incubi, tutte cose che rielaborerà nel suo sogno.
Diane è casa adesso ed è depressa, va a letto, capiamo che si sente schiacciata dal peso del suo insuccesso dall’allucinazione dei suoi genitori che ridono di lei, entrando come due miniture da sotto la porta; prende una pistola dal cassetto e si suicida….quindi adesso capiamo chi è la ragazza trovata morta in casa nella prima parte del film.
Il film termina con l’immagine del mostro che si trova dietro il bar che tiene in mano la scatola blu. Questo potrebbe significare che non possiamo fuggire dalla realtà, non si può trovare rifugio nei sogni, siamo costretti ad affrontare la realtà e questo a volte può essere insopportabile.
L’ultimissima scena è la donna del club Silencio che dice solo “silencio”. Adesso i tormenti di Diane sono finiti.

Mi è piaciuto – L’attenzione si mantiene sempre molto alta nel cercare di capire cosa stia succedendo nel film e come interpretarlo. Lynch è un maestro nell’esplorare la dimensione del sogno, e questo rende interessante anche una storia che non ha chissà che significato o profondità (se fosse stata raccontata in maniera cronologica sarebbe un comune giallo); si è partecipi del cambio di personalità di Diane, vediamo come le aspettative e i sogni infranti possono cambiare una persona fino alle estreme conseguenze. Mi è piaciuta molto Naomi Watts e l’atmosfera del film data dalle luci e colori che trasmettono quella stessa sensazione di incertezza che si ha nei sogni.

Non mi è piaciuto – Il film ha però tanti cambi di scene e troppo simbolismo, che lo rendono intricato. Si riesce a dare una spiegazione coerente dopo varie volte che si è visto il film.

Annunci

Rispondi

Inserisci i tuoi dati qui sotto o clicca su un'icona per effettuare l'accesso:

Logo WordPress.com

Stai commentando usando il tuo account WordPress.com. Chiudi sessione / Modifica )

Foto Twitter

Stai commentando usando il tuo account Twitter. Chiudi sessione / Modifica )

Foto di Facebook

Stai commentando usando il tuo account Facebook. Chiudi sessione / Modifica )

Google+ photo

Stai commentando usando il tuo account Google+. Chiudi sessione / Modifica )

Connessione a %s...