La crisi greca e il teatrino della politica italiana

Stamattina alla radio sentivo Matteo Renzi che riferiva sull’incontro relativo alla situazione greca…beh, sembrava uno che raccontava in fretta e furia quello che si era discusso alla riunione di condominio! Non so davvero come faccia a banalizzare sempre tutto. Per non parlare dei vari Salvini, Brunetta, Santanchè e chi più ne ha più ne metta, sempre pronti a salire sul carro del vincitore senza sapere davvero chi lo sta guidando quel carro, uno spettacolo davvero patetico.
È chiarissimo ormai che l’Unione Europea non ha delle fondamenta solide, è stata solo un’unione monetaria fatta da Paesi con differenze enormi sul piano culturale, politico, fiscale. Oggi con la crisi gli Stati devono ricorrere tutti alle stesse riforme imposte “dall’alto”, a prescindere da quale sia il partito al governo, bisogna seguire quello schema e amen, e giustamente questo sembra una forte ingerenza nelle dinamiche dei singoli Stati. C’è da dire però che i Paesi che sono più colpiti dalla crisi sono anche quelli con una maggiore evasione fiscale, e sono entrati nell’Unione già con questi problemi e con gravi deficit di bilancio. Ora la Merkel potrà stare antipatica, però in Germania le tasse le pagano tutti….che strano popolo i tedeschi. C’è anche da chiedersi se non si poteva prevedere prima uno scenario con una crisi come quella che stiamo vivendo e soprattutto prevedere cosa sarebbe successo ad un’unione che poi tanto unita non è.
Di seguito un video dove si cerca di spiegare la situazione, edito dalla Bloomberg Television, una rete che si occupa di economia e finanza:

Annunci

Rispondi

Inserisci i tuoi dati qui sotto o clicca su un'icona per effettuare l'accesso:

Logo WordPress.com

Stai commentando usando il tuo account WordPress.com. Chiudi sessione / Modifica )

Foto Twitter

Stai commentando usando il tuo account Twitter. Chiudi sessione / Modifica )

Foto di Facebook

Stai commentando usando il tuo account Facebook. Chiudi sessione / Modifica )

Google+ photo

Stai commentando usando il tuo account Google+. Chiudi sessione / Modifica )

Connessione a %s...