Arte & Natura – Basilica di San Paolo fuori le mura (Roma)

Aderisco ad un’iniziativa lanciata da Alessandra di Libri nella mente che ha creato la rubrica “Arte & Natura” con lo scopo di conoscere e comunicare le bellezze dei luoghi in cui viviamo; un modo per conoscere meglio il nostro territorio e favorire il turismo locale. Qui il post dove Alessandra dà il via all’iniziativa e spiega come aderire.
Da poco mi sono trasferita in provincia di Roma e appena posso colgo l’occasione per esplorare questa bellissima regione. Inauguro quindi questo spazio con la visita alla basilica di San Paolo fuori le mura, ma  inserisco nella rubrica anche il post sul museo d’arte orientale di Roma che avevo visitato un paio di mesi fa.
Premetto che non sono nè una storica dell’arte nè una storica, questa è una visita virtuale proposta semplicemente da un’amatrice.

La basilica
San Paolo fuori le mura è una delle quattro basiliche papali di Roma, la seconda più grande dopo San Pietro, ed anche qui si celebra il rito CAM00340dell’apertura della porta santa negli anni giubilari.
La basilica è facilmente raggiungibile con la metropolitana, si trova lungo la via Ostiense al di fuori delle mura aureliane uscendo da Porta San Paolo (da qui il nome “fuori le mura”). Venne costruita sul luogo dove si trova la sepoltura di San Paolo ed oggi la tomba si trova sotto l’altare papale.

CAM00345

Un po’ di storia
La prima basilica fu costruita nel I sec. d.C. dall’imperatore Costantino sul luogo della sepoltura di Paolo di Tarso, che fu da subito meta di pellegrinaggi. La curva dell’abside di questa prima chiesa, che aveva orientazione opposta all’attuale basilica, è visibile da sotto l’altare papale.
Nel IV sec. d.C. la basilica venne totalmente ricostruita sotto il regno congiunto dei tre imperatori Teodosio I, Graziano e Valentiniano II perchè troppo piccola rispetto al flusso di pellegrini che arrivavano ogni anno; questa struttura rimase intatta fino all’incendio del 1823.
Nei secoli vennero eseguiti dei restauri; tra i più importanti vi sono quelli dovuti a Galla Placidia, che fece realizzare l’arco trionfale, a papa Leone I a cui si devono i tondi con i ritratti dei papi e  a papa Gregorio I che fece rialzare il livello del pavimento nella zona del transetto.
Nel 1823 parte della basilica venne distrutta da un incendio; la ricostruzione iniziò sotto papa Leone XII e terminò sotto papa Pio IX, che inaugurò la nuova basilica nel 1854.

La basilica oggi
La chiesa presenta una pianta a croce latina e il suo aspetto attuale è dovuto principalmente all’architetto Luigi Poletti. Una delle sue caratteristiche sono i tondi con i ritratti dei papi da San Pietro a papa Francesco che percorrono la chiesa al di sopra degli archi che dividono le navate. I tondi sono realizzati con la tecnica del mosaico e a fondo oro e al di sopra di questi vi sono 36 affreschi raffiguranti la vita di San Paolo che vennero restaurati dopo l’incendio del 1823 in pochissimi anni.

CAM00318
A separare il transetto dalla navata centrale vi è l’arco di Galla Placidia, così detto dal nome della committente, realizzato con la tecnica del mosaico e che raffigura un Cristo Pantocratore, i simboli dei quattro evangelisti ed i santi Pietro e Paolo.

CAM00310

CAM00311

Accanto all’altare vi è il candelabro del cero pasquale realizzato nel XII secolo e attribuito a Pietro Vasselletto e Nicolò D’Angelo;  il candelabro è realizzato in marmo e raffigura dal basso verso l’alto motivi animali, vegetali, scene della passione e resurrezione di Cristo e vuole simboleggiare il superamento del peccato e della morte attraverso la resurrezione.

CAM00312

Uscendo dal transetto si visita il chiostro, dove degli scavi effettuati negli anni 2000 hanno portato alla luce dei reperti funerari come alcuni sarcofagi; questa zona era infatti un’area cimiteriale tra il I a.C. e il IV d.C. e per questo motivo San Paolo venne sepolto qui.

CAM00321

CAM00330

CAM00331

Annunci

5 pensieri su “Arte & Natura – Basilica di San Paolo fuori le mura (Roma)

  1. Che bello questo articolo, sei stata bravissima, mi ha fatto molto piacere leggerlo! Questa basilica è incantevole, sono rimasta colpita da quel soffitto a cassettoni, con tutte quelle decorazioni dorate… Già la foto rende bene l’idea, ma immagino che osservarlo dal vivo è ancora più d’impatto. Forse preparerò prima del tempo la pagina fissa dedicata a questa rubrica, anche se finora nessun altro ha dato segno di voler contribuire. Ma intanto andiamo avanti noi due, che l’unione fa la forza, così prepariamo anche la strada 😉

    Mi piace

Rispondi

Inserisci i tuoi dati qui sotto o clicca su un'icona per effettuare l'accesso:

Logo WordPress.com

Stai commentando usando il tuo account WordPress.com. Chiudi sessione / Modifica )

Foto Twitter

Stai commentando usando il tuo account Twitter. Chiudi sessione / Modifica )

Foto di Facebook

Stai commentando usando il tuo account Facebook. Chiudi sessione / Modifica )

Google+ photo

Stai commentando usando il tuo account Google+. Chiudi sessione / Modifica )

Connessione a %s...